jueves, 2 de mayo de 2013

cipolle ripiene con ortiche, miglio e lenticchie rosse



L'ortica, il mio asso nella manica.
Tanto versatile quanto buona, dal suo sapore clorofilloso, dal suo colore verde intenso.
Quando la vedo in giro giá sento quel formicolio nelle mani che mi attrae a lei.
Quel formicolio che ti dura fino al giorno dopo, ma per me e per tutti quelli con le mani fredde, non puó fare che bene...attivando la circolazione!
E cosí la raccolgo con il vecchio trucco di trattenere il respiro che poi si rompe in un grido soffocato.
Perché dico versatile?Perché se non finisce cucinata la uso per fare qualche intruglio per le piante o  per i miei capelli.

E che dire delle cipolle ripiene???
Uno dei miei piatti preferiti dell'infanzia che finisco sempre per rivisitare un poco!



INGREDIENTI
2  Cipolle
una borsa di ortiche
1 spicchio d'aglio
1 carota
1 bicchiere di miglio
1 bicchiere di lenticchie rosse
cumino, zenzero
pan grattato
olio evo



Pulire accuratamente le ortiche, magari con guanti é meglio. Prendere le foglie e lavarle.
In una pentola scaldare dell'acqua, leggermente salata. Tagliare a metá le cipolle nel senso della lunghezza e cuocerle per 8 minuti, quando iniziano a "spellarsi" tirarle fuori e farle raffreddare. Nell'acqua, che servirá da brodo vegetale, si possono aggiungere altre verdure tipo carota, sedano...(quello che si ha).
Preparare in una pentola un soffritto con l'olio, l'aglio, lo zenzero grattuggiato e dei semini di cumino. Rosolare qualche minuto.
Incorporare il miglio al soffritto, dopo pochi minuti aggiungere il caldo (calcolare il doppio del miglio, il doppio delle lenticchie e un po' di piú). Cuocere a fuogo lento, dopo 15 minuti aggiungere le lenticchie rosse e cuocere per altri 15 minuti. 
Durante gli ultimi due minuti incorporare le foglie di ortiche tagliuzzate. 
Lasciare rafreddare.
Separare i vari strati di cipolla formando cosí delle ciotolette. Riempirle con il miglio e compagnia.
In una teglia ricoperta da carta vegetale collocare le cipolle ripiene, spolverare il pangrattuggiato precedentemente mescolato con un po' d'olio. Gratinare al forno per dieci minuti.


Con questa ricetta partecipo al contest Ricette spontanee de "il gatto ghiotto" in collaborazione con il Rifugio Meira Garneri


1 comentario:

  1. Il tuo piatto mi ispira parecchio!! Grazie di cuore. Bacione

    ResponderEliminar